mercoledì 17 agosto 2011

COLLANA DOCUMENTI - Contaminazioni


Collana Documenti



Contaminazioni 

Autori vari - prima pubblicazione giugno 2002 - pagine 52


I N D I C E 


- EDUARDO SUPER STAR
di  Roberto De Simone

- Zona d'emergenza - Egloga per Eduardo
di Roberto De Simone


- L'ELOQUENZA DEI MITI
di Stefano Geraci

- DEI TEATRI MAGARI NON ITALIANI
a cura di Nicola Savarese

1) LA TA’ZIEH PERSIANA
2) Quando! Quando! Un giorno... Per ricordare Julian Beck


- LE RUGHE DI OTELLO - Piste per Otello
Sul doppio “Otello” di Vittorio Gassman
di Franco Ruffini

- MARCO BELLOCCHIO E IL TEATRO
di  Francesca Covatta

- TRACCE DI CINEMA
nel Macbeth teatrale firmato da Marco Bellocchio
di Rosalba Ruggeri

- FRA CINEMA E TEATRO
Un incontro oltre i confini di genere
fra cinema e teatro  o  tra teatro e cinema …
a cura di Rosalba Ruggeri

– CINEMA POSSESSIONI SEGRETE
Mutare in vita ciò che in vita muta
di  Donatello Fumarola

- UNA QUESTIONE PRIVATA
di Donatello Fumarola

- NUOVE IDEE IN PISTA
di Maria Iannuzzi

- SCONFINI
di Rosalba Ruggeri

- RITRATTI -  Lino Fiorito
di Donatello Fumarola

- IL DRAMMATURGO E IL MANGIATORE DI FUOCO
Conversazione con Giuseppe Manfridi
di Anna Maria Sorbo

- TEATRO IN FORMA DI LIBRO
di Anna Maria Sorbo

- NUOVE GENERAZIONI DI TEATRO
a cura di Maria Iannuzzi
1) VIRGILIO SIENI DANZA
2) STUDIO AZZURRO
3) KINKALERI

– BIBLIOTEC@ SPETTACOLO POPOLARE - Istruzioni per l'uso


EDUARDO SUPER STAR

di  Roberto De Simone


Le celebrazioni di un artista della complessità di Eduardo inducono a considerazioni che vanno al di là dei meriti del grande attore e del drammaturgo che tutti conosciamo. Chi, infatti, oserebbe negare il valore dell’attore geniale e di uno scrittore diventato celebre per alcune commedie di fama internazionale? Chi rischierebbe la scomunica generale se osasse confessare: - A me il presepio non mi piace? Eppure, l’incontrastabile riconoscimento dei valori suddetti viene convogliato in contesti che esulano dalle significanze di Eduardo stesso, e vanno a supportare persone e contesti che di Eduardo fanno uso, come si fa uso, nella nostra società, di cadaveri eccellenti da divorare. “Quando stavo con Eduardo… come mi stimava Eduardo… come diceva Eduardo…” sono le più frequenti battute onnivore, recitate da personaggi “in cerca d’autore” che, avendo lavorato con lui, celebrano se stessi, come indiscutibili interpreti del vangelo eduardiano. Ma il dissenso di Eduardo per l’aborto, il suo familismo, il suo perbenismo linguistico, sono fagocitati e digeriti comodamente dalla destra politica, dai cattolici, dalla buona borghesia italiana, che ne alimentano il culto con calendari celebrativi del giubileo di Eduardo, aggiungendo al “sabato, domenica e lunedì” anche il martedì, il mercoledì, il giovedì e il venerdì.
Parimenti, i contenuti politici de 'Il figlio di Pulcinella', de 'Gli esami non finiscono mai', de 'Il Monumento' e di altre commedie dell’ultimo periodo sono il fiore all’occhiello della sinistra, che spesso scambia qualche elemento eduardiano con la destra, per il gran ragù rosso-nero del confronto democratico delle ideologie culinarie. Infine, la media borghesia napoletana, che in Eduardo ha sintetizzata la propria cultura di una nuova classe di potere, nata nell’ultimo dopoguerra, in quell’intimismo, in quel minimalismo “del ragù che faceva mamma’”, anche se “ha da passa’ ’a nuttata”, si riconosce, collocando sotto una campana di vetro l’immagine di 'Napoli Milionaria', Filumena e Luca Cupiello, grande alleluia finale, con coreografie di Marcel Marceau, film, video, cassette e Luciano Pavarotti nel ruolo straordinario di Domenico Soriano, che potrebbe finalmente cantare superbamente Munasterio ’e Santa ChiaraMa, ahimè, il progetto non potrà mai essere realizzato dalla città di Napoli, tuttora restata città milionaria e non Napoli miliardaria per quel che concerne il finanziamento di opere culturali. E allora io come misero accattone della Pignasecca, senza arte né parte, ho pensato di produrre un omaggio al grande napoletano da celebrare a costo zero. Ho insomma registrato e composto un’egloga, a somiglianza di quelle di Basile, un’egloga relativa a una realtà locale cui faceva riferimento Eduardo con Vincenzo De Pretore o con i tre figli di Filumena. Ma essi oggi non hanno alle spalle la figura di San Giuseppe, né la lingua delle commedie eduardiane, essi rappresentano la conclusione storica di un tragico processo di degrado che lo stesso Nostro ha tentato di denunciare nel contesto della sua quotidiana parola, e della sua storia. Io sono sicuro che Egli si riconoscerebbe nel malessere che il suo teatro vuole esprimere all’interno della sua interiorità, vicino ai ragazzi del Filangieri, di Nisida, lontana anni luce dal presepe di Luca Cupiello, e dei suoi attuali celebranti.


Zona d'emergenza
Egloga per Eduardo

di Roberto De Simone


I voglio fà n'ammore 'e blues guaglione, undergraund,
Quanno in moto aiz^e ppacche vire 'o segno r^a mutand.
 - Sei una favola! Sei formidabile!
Verimmoce rimane all'otto 'ncoop^a tangenziale.
Lo so che tua madre non è cattiva,
è solo cacarazza e un poco apprensiva,
ma 'o bbò 'a me, sulo 'a me
all'anema r^a ppiezz^e stronza, chi 'a penza!
Ma che bbò, che bbà, truvanno?
Chella vò 'sicurezza 'e nu postu 'e fatica,
'o posto fisso, se l'ha chiavato 'ncapa,
e io lavoro al nero e essa nun 'o ssape
e manco 'o bbò sapè. E dice sempre 'o stesso.
Ma nuie ce verimmo, e pò facciamo sesso?
inutile spiegarlo con le parole.
- Sì cu 'e cazze, m'adatto? Vaco fore cu 'a capa.
Na sosta o Pub, ci rimettiamo in macchina,
uniti per sempre, io ti amo da matti,
ma 'n t^o ffaccio capì, me capisco sol'ì.
Tu me fisse rint'a ll'uocchie ca te rico nu si,
e po' me cache 'o cazzo c^o prugetto r^a casa,
a culla p^o bebè, io voglio invece
solo giocare, sì, tesoro mio,
tu sei tutto per me, ma nun fà l'inibita!

Piccerè, sblòccati, ramm^o kiss, ramm^a fess.
Ti possiedo di nuovo, e doppo fatto 'ammore
t'assiette rint^a machina, accendi 'o stereo,
pigli 'o fazzulettino, te pulisci 'o russetto,
t'appiccie 'a sigaretta, e pe' nu quarto d'ora
chìamme n'amica toia ncopp^o telefonino,
e me lasse accussì, comm^o frate r^o cazzo
e nun me cache ccchiù. - Pronto, Armanda, sei tu?
Ce verimmo in discoteca, io me voglio divertì.
Porta pure a tonino, a Gianluca e Gennarino.
Passarammo na serata stupenda, ochei,
Jes. ochei, organizzala tu.

Ma a cristu punto io nun ce 'a faccio cchiù.
Rint^a bucchina e mammeta, ma tu a quanto 'o vvinne?
Scinne mmò mmò, e nte fa' verè cchiù.
Ma lei si mette a piangere – io ti amo, amore.
Pecchè dice accussì? Io ti ho dato me stessa,

    - E pecchè faie 'a cessa cu sta pereta a telefono?
    I' me stongo esaurenno, i' nun ce 'a faccio cchiù,
          tu me faie esaurì, io te cagnasse in permuta.
    E chesto tutt'e ssere, accussì tutt^e ssere.
    Vaco 'n freva, m'hè 'a credere.                                                                                                                     
    - Overo fai? Quanno mai!
    A tutto volume chiavammo n'ata vota.
    - 'O Napoli ha vinto! Ddoi a zero, nu cannone!
    E se avessi la carta di credito
    Mi darebbe una forte emozione.
    E perchè? nun 'a putesse avè?
    Anche se io non tengo 'o bech-graund 'e papà,
    ti direi: - Bimba, andiamo in vacanza a Sen Tropè
    e no a Marinella, a piglià 'a tintarella
    e a me sciacquà 'e ppalle, sott^o buco 'e ll'ozono,
    cu nu smog esagerato, e cu 'o sole malato.
    Ma 'a carta 'e credito 'a piglio 'a int^a mutand,
    ca è pure scaduta e la foto 'e n'anno fa.
    A Secondigliano nun sì nisciuno
          e 'o bell'e Ddio, ca non sò ghei.

Dimane piglio ’a paga e che piglio nun ’o ssaccio
ma se un dì mi licenzio, o masto ’o piscio ’nfaccia,
cu sti quatto perucchie ca me rà,
ca nemmeno nu giubbino me pozzo accattà.
All’anema r’‘e ssamènt’! Me pisciano mmano,
’e scarpe Tod’s ’e vveco int’‘o binocolo,
indossare Armani io m’‘o ppozzo sunnà
a meno che di notte nun me metto a fa’ marchette
al casello d’uscita ’e Fuorigrotta,
e si ’o piglio ’nculo nessuno lo saprà,
manco a guagliona mia, anzi mi apprezzerà,
con un capo d’abbigliamento firmato
ca nemmeno a via dei Mille hanno mai indossato.
ca nemmeno a via dei Mille hanno mai indossato.
Ll’odio! ll’odio! ll’odio! ll’odio!
E quanto ll’odio! - Munnezz!
Ma tu vire ’sti chiaveche r’‘a stradale!

- Jammo, che me vuò fa’?
Nu pesce ’mmano?
Nu bucchino? N’allecata ’e palle?
A Secondigliano, nun sì nisciuno,
e ce sta ’o capozona...
Ma voglio arrevutà. E c’‘o gel ’ncapo
Nennè, posa ’o guanto, leva ’e llente, ’e capille!
Tuóccame mpietto, miétte, aspiette!
Sei davvero carina, nun fa’‘a stuppola, amore!
Sott’‘e stelle, ciao, un bacione.
Mò me faccio na sega...
Me voglio fa’ na casa mmiezz’‘o mare
fravecata de penne de pavone,
’o mare è ’o mare, ’o core è ’o core,
’o sango nun è acqua. È na canzone.
Informazione gratuita, trasferibile:
il cliente chiamato non è raggiungibile.
Comunicazione interrotta e bà fa’‘nculo,
Chisto da reto me vo’ sorpassà:
- E passa, lota! Và fa’ int’‘o mazz’‘e sòreta!
- Nguacchiato! - Bucchino!
Mò m'accatto 'o cornetto e me ne vaco a cuccà
Appena traso 'a porta, mammà sta scetata,
e fa à solita scenata. - Oima' và te cocca
e nun te preoccupà- - Tu tien ^o burdello 'ncapa,
tu me faie jettà 'o sango, pe' te piglià stu pinnolo
e pàteto 'un ce sta. Nun me fa sentì a pàteto,
comm'a me, comm'a te, a Secondigliano
è nu juorno senza nomme, senza identità,
e m^o vulesse scurdà.
Ma ho visto in vetrina, proprio stamattina,
nu capo Pat Zileri, comm^o porta Di Caprio.
Me fa male na palla, esse pigliato l'Aids?
E m'addormo accussì. Cu 'a mano ncopp^o cazzo.
Me vulesse scurdà. Tutt^a notte
e rruote d^a macchina continuano a girà!
Ventimila 'e benzina, ma a Piazza Càvur
o benzinaro è chiuso, resto a sicco, mannaggia!
Dopo il segnale acustico inviate un messaggio.
Solo emergenza!
Esse pigliato l'Aids? Solo emergenza,
zone d'emergenza, nun me voglio scetà.
Solo emergenza! Emergenza ...


                                               Roberto De Simone
                                                                     per il Portale del Teatro COMOEDIA


Continua ... 

----------------------

Per ricevere gratuitamente questa Dispensa in  formato Pdf invia richiesta a  spettacolo.popolare@gmail.com


Nessun commento:

Posta un commento